Massimo Frosi - Intervista Tai Chi

 

Ti presentiamo l'intervista al maestro Massimo Frosi. Rispondendo alle domande, illustra come il suo approccio al Tai Chi sia un percorso di consapevolezza, una vera e propria "Via". Nell'intervista offre consigli a principianti e ad allievi esperti, uno su tutti: la ricerca della perfezione nel Tai Chi non è il traguardo, ma il percorso! Tai Chi Online ti augura una buona lettura!

 

Che cos'è per lei il Tai Chi?
Aver incontrato il tai chi sul mio cammino è stata una vera fortuna e una grande opportunità di crescita personale. In esso ho trovato la mia “Via” e il mio scopo nella vita. Per me il tai chi è una strada senza fine, una grande opportunità, è un continuo mutamento, un’entusiasmante ricerca fatta di armonia, benessere, precisione, forza e sapienza.


Come è iniziato il suo percorso nel mondo del Tai Chi?
Ho iniziato lo studio del tai chi nel 1988 durante dei seminari sulla ricerca interiore, dove la disciplina cinese ci venne proposta come metodo per armonizzare al meglio il movimento. Da allora non ho più lasciato questa “Via”.

I maestri che insegnano il Tai Chi tradizionale toccano tutti gli aspetti, quali tra questi animano di più il suo interesse?
Se devo dire la verità, mi entusiasmano tutti gli aspetti di quest’arte millenaria, provenendo da un’arte marziale a contatto pieno e avendo già sperimentato cosa significhi combattere, prediligo una pratica più interiore. Lo studio delle forme ci può avvicinare profondamente ai principi fondamentali all’origine di quest’arte che troviamo descritti in aforismi e testi antichi.
Il tai chi da combattimento è molto interessante, ma ciò che ricerco in esso è uno stato di consapevolezza superiore, una vera meditazione in movimento, un’espansione della coscienza, al di là della tecnica e della mente.

Che ruolo hanno gli aspetti marziali nei suoi corsi?
Come detto prima, prediligo lo studio del movimento e dell’energia, ma ciò non mi esime da insegnare anche il lato marziale, infatti nei miei corsi insegno le applicazioni di tutte le tecniche di tai chi, compreso il tui shou. Chi mi conosce bene sa che se applico una tecnica lo faccio con la massima efficacia e potenza.

Potrebbe citare gli elementi chiave per essere un buon praticante di Tai Chi?
Nelle mie lezioni dico sempre che per apprendere al meglio il tai chi dobbiamo rispettare 4 regole d’oro: allineamento, bilanciamento, rotazione e respiro. Dopo aver compreso queste regole, possiamo entrare nel cuore del tai chi, cioè i 10 principi fondamentali. Ricordiamo sempre che l’intenzione (yi) dirige l’energia (qi) - l’energia (qi) dirige il corpo (li).

Cosa consiglierebbe agli allievi che oggi entreranno per la prima volta nella loro vita in un una scuola di Tai Chi?
Consiglierei di non gettarsi nella prima palestra o sceglierla per comodità di vicinanza o amicizia. Cercate una buona scuola, un buon maestro. Informatevi su cos’è il tai chi. E cosa volete dal tai chi. Guardate video e filmati su internet, ormai potete trovare di tutto. Il tai chi ha diverse anime, sta a voi sceglierne la direzione; marziale o salutistica, lo studio delle forme o del tui-shou, l’aspetto filosofico o quello più pratico…


E cosa consiglierebbe agli allievi che praticano da 10 anni Tai Chi?
Dopo 10 anni di pratica, il peggior nemico per l’evoluzione di un allievo esperto, è il sentirsi arrivati!! Consiglierei di osservare che c’è sempre la possibilità di migliorarsi, giorno dopo giorno, anno dopo anno, decennio dopo decennio. Meravigliatevi della perfezione di ogni tecnica, dell’enorme studio che c’è dietro ogni tecnica. Ciò che è arrivato a noi è il risultato di centinaia d’anni di ricerca e perfezionamento di migliaia di maestri, che ogni giorno per tutta la loro vita hanno cercato la perfezione, sapendo che essa non sarà mai realizzabile al 100%… la perfezione non è “il traguardo”, ma “il percorso”


Il Tai Chi è solo tradizione o può essere anche innovazione?
Tradizionale o innovativo purchè esprima armonia, forza, precisione e qualità tecnica e consapevolezza in ogni gesto. Questo è per me il tai chi.

C'è una testimonianza di un suo allievo che ricorda in modo particolare in cui le sono stati raccontati dei benefici derivanti dalla pratica del tai chi?
Diversi allievi hanno riscontrato notevoli benefici dalla pratica del tai chi. Posso sottolineare però un caso eclatante, il sorprendente miglioramento di un’anziana persona affetta da un'osteoporosi molto aggressiva. Dopo diversi anni di pratica costante, il medico ha constatato che la signora aveva pressochè risolto il problema di osteoporosi, con notevole stupore delll’equipe medica che aveva effettuato il controllo.

Si dice che anche i maestri imparano dagli allievi, a lei è capitato di imparare qualcosa di importante dai suoi allievi?
Io imparo continuamente cose importanti dai miei allievi...

Può raccontarci un'esperienza particolare legata alla sua pratica del Tai Chi?
Sicuramente la partecipazione ai campionati europei di Bucarest nel 2014, dove in 6 persone portammo a casa 12 medaglie. Io conquistai un argento e un bronzo, grande soddisfazione e consapevolezza di una giusta e corretta pratica.


Ha mai scritto dei libri?
Per ora no. Ho dei progetti, che spero riuscirò a realizzare al più presto. Al momento ho pubblicato dei Video Corsi sulle Forme di mano e spada stile Yang.

La pratica del Tai Chi abbinata ad altre discipline salutistiche può generare delle utili sinergie?
Anche se non amo i pastrocchi, delle sinergie tra alcune discipline salutistiche potrebbero essere molto interessanti. Mi affascinerebbe un’interazione tra tai chi e cromoterapia, oppure tai chi e musicoterapia.

Può farci un esempio in cui il Tai Chi le è stato utile nella vita quotidiana?

Sicuramente in un periodo molto difficile della mia vita, il tai chi ha saputo darmi un grande aiuto soprattutto a livello mentale. La sua armonia e tranquillità sono stati fondamentali per ritrovare un equilibrio dentro me stesso.


Rivolgendo un invito al lettore di questa intervista, come proseguirebbe questa frase? "Ti consiglio di praticare Tai Chi perchè..."
Perché osservando i suoi movimenti dall’esterno non troverai ciò che ti aspetteresti di trovare… MA MOLTO DI PIU'!

 

Info e Contatti
Scuola Tai Chi Chuan Aretè

M° MASSIMO FROSI
Via Fratelli Cairoli 7/9 - Vimodrone (Mi) Telefono: (+39) 380.53.38.851
Video Corsi: Forme di mano e spada stile Yang
Sito web: www.scuolataichiarete.it

 

5 1 1 1 1 1 Rating 5.00 (4 Votes)