0 Totale : € 0,00 Riepilogo Carrello
Prodotti 0
Ordine Close
Gli esercizi hanno scopo illustrativo e vanno eseguiti in presenza di un maestro. Leggi avvertenze.

di Gabriele Filippini ~ wuweituina.it

 

Il Tai Chi Chuan include una particolare metodica di allenamento chiamata Tui Shou che significa letteralmente spingere (tui) le mani (shou). Si tratta di una tecnica nella quale le nostre mani vengono utilizzate per prendere contatto e spingere il compagno realizzando una ben precisa modalità di comunicazione sensoriale che sviluppa al massimo le sensazioni di contatto e la consapevolezza di postura, movimento ed energia. Grazie all’esercizio costante, di questa pratica, è possibile sviluppare una serie di importanti qualità fisiche ed energetiche basate sulla attivazione di una speciale forza elastica del corpo.

Nell’esecuzione pratica i due partners si pongono l’uno di fronte all’altro con l’obiettivo di sbilanciarsi reciprocamente utilizzando il contatto degli arti superiori ed eventualmente delle spalle e dei fianchi. Scopo della tecnica è sperimentare la possibilità, molto concreta, di interagire con una forza esterna senza per questo perdere il controllo della propria postura e del proprio radicamento al terreno. Ognuno dei due praticanti prende contatto stabilmente con il suolo ed utilizza la propria colonna vertebrale come asse dinamico attorno al quale fare fluire efficacemente le forze e le tensioni interne ed esterne coinvolte nel “gioco” stesso. Il Tui Shou consente in questo modo di verificare e correggere immediatamente squilibri e rigidita’ posturali evidenziati dalla maggior efficacia che conferiscono all’azione di “attacco” del compagno di fronte a noi. Non dimentichiamo comunque che l’esercizio viene in realtà praticato con spirito di grande collaborazione in quanto è proprio la reciproca attenzione e disponibilità che lo rende tanto efficace. Questo tipo di allenamento stimola inoltre in modo metaforico nuove risorse utilizzabili nel contesto della vita quotidiana, infatti la protezione del nostro “centro”, al quale possiamo attribuire di volta in volta simbologie personali di tipo lavorativo, affettivo o quant’altro, diviene possibile solo grazie ad un atteggiamento allo stesso tempo morbido e vigoroso che ci consenta di ricevere gli stimoli -simbolicamente le “spinte” – e di integrarli nella nostra struttura. Utilizziamo volutamente il termine struttura che possiamo riferire sia all’ aspetto prettamente fisico del corpo oppure traslare facilmente ai concetti di struttura psichica superficiale e profonda. Il Tui Shou consente quindi al nostro corpo di imparare una nuova strada per risolvere le difficoltà, sia che si tratti di confronto fisico che di situazioni impegnative dal punto di vista psicologico od emotivo. Non dimentichiamo inoltre che questa pratica consente di sperimentare le qualità sviluppate con l’esercizio singolo, tipicamente la forma nel Tai Chi Chuan, e di correggere eventuali errori posturali di equilibrio difficilmente individuabili altrimenti. Concludiamo queste brevi considerazioni ricordando come l’esercizio a coppie consenta di sviluppare due importanti qualità profondamente connesse alla filosofia taoista: lo Spazio e il Centro.

LO SPAZIO
Lo spazio e’ prima di tutto la capacità propria del vuoto di accogliere tutto ciò che proviene dall’esterno. Spazio e’ quindi il “vuoto” interno della bottiglia, il foro della ruota dove alloggia il mozzo e, soprattutto, il cosiddetto “vuoto del cuore” – Xin XU – che e’ la capacità della nostra mente (del nostro Spirito, direbbero i taoisti) di mantenersi tranquilla e fluida in modo da accogliere qualsiasi stimolo proveniente dall’esterno. Si tratta di raggiungere uno stato di estrema ricettività unito alla libertà di scegliere cosa trattenere e cosa rifiutare tra la molteplicità di proposte che la realtà esterna ci offre. Da un punto di vista più immediatamente pragmatico per spazio intendiamo la nostra sensazione di presenza e di controllo relativa ad certo luogo in un certo tempo. E’ la sensazione multisensoriale di presenza e attenzione totale modulabile grazie alla pratica costante delle Art Marziali interne..

IL CENTRO
Chiamiamo centro il nostro punto di riferimento. Strutturalmente il centro del corpo e’ la colonna vertebrale, l’asse che consente di muoverci liberamente, allo stesso modo possiamo considerare come centro del corpo il basso ventre sede del nostro baricentro. Quindi il centro e’ il punto, la zona da cui cominciamo a misurare la “realtà”, il nostro territorio fisico e psichico, il nostro spazio. Ricollegandoci ai concetti precedentemente esposti consideriamo il centro come punto di partenza e di riferimento del nostro spazio.E’ la nostra zona di sicurezza, la nostra roccaforte fisica e psichica che, come il nostro cuore non può o meglio non dovrebbe essere violata.

Ricerca avanzata

Imposta uno o più criteri di ricerca a tua scelta.

Copyright

Nel rispetto del lavoro svolto dagli Autori è vietato copiare i contenuti (anche in forma parziale) in assenza di espresso consenso, ad eccezione dei soli casi previsti dalla legge sul Copyright.

Newsletter

 

Iscriviti alla Newsletter, disporrai subito del link al CORSO ONLINE GRATUITO
+ Download immediato 10 OMAGGI

7 Video lezioni di Maestri di Tai Chi + 2 Audio lezioni + 1 Guida pdf per te subito gratis!

iscriviti

 

Tiziano Marchi"Tai Chi Online è un sito serio, professionale e affidabile, dove trovare un po' di tutto sul Tai Chi. Apprezzo la serietà e la disponibilità immediata dei video." Tiziano Marchi 5 stelle